Via Vitoni, 14 - 51100 Pistoia (PT)
Tel. 0573/975871 - Fax 0573/46399

Collana «Acquamarina»
volumetto n° 14



Juana  Castro, Calice
a cura di Alessandro Ghignoli

 pag. 32, ISBN 8887741220

Euro 4,00
IN SINTESI

Ventidue poesie in nuova traduzione della poetessa di Cordoba.


UN ASSAGGIO

«Ma vivo, da allora,
perduta, vivendo per morire.
Per scendere, o salire, e nell’inferno
della sua effimera mano, lieta,
soccombere alla fine
di bellezza o perfidia.».







L'AUTORE

Juana Castro è nata a Villanueva de Córdoba nel 1945 e vive a Córdoba. Professoressa specialista d’Educazione Infantile, è membro della "Real Academia de Córdoba de Cencias, Bellas Letras y Nobles Artes". Collabora a numerose riviste, ed è presente in molte antologie di poesia spagnola contem-poranea.
Ha pubblicato i seguenti libri di poesia: Cóncova mujer (1978); Del dolor y las alas (1982); Paranoia en otoño (1985); Narcisia (1986); Arte de cetrería (1989), Alta traición (1990); Fisterra (1992); No temerás (1994); Alada mía, (antologia 1978 - 1995; 1995); Memoria della luce (traduzione di Emilio Coco; 1996); Del color de los ríos (2000); El extranjero (2001).
Come traduttrice ha pubblicato: Veinticinco años de poesía en Italia (De la neovanguardia a nuestros días), in collaborazione con Emilio Coco (1990).
Tra i più importanti premi vinti ricordiamo: Juan Ramón Jiménez, Carmen Conde, San Juan de la Cruz. Alcuni suoi articoli sono stati raccolti in Valium 5 para una naranjada (1990).

Condividi / Share

Indietro