Via Vitoni, 14 - 51100 Pistoia (PT)
Tel. 0573/975871 - Fax 0573/46399

Collana «Ocra gialla»
volumetto n° 82



Jean  Giraudoux, La lettera anonima
a cura di Stefano Serri
 pag. 44, ISBN 978-88-6226-118-0

Euro 4,00
IN SINTESI

Cinque prose inedite in Italia dello scrittore e commediografo francese considerato uno dei più significativi esponenti dell’intellighenzia del suo paese fra le due guerre del Novecento.


UN ASSAGGIO

«Il signor Lenard strappò il biglietto, ma più lentamente. Ne raccolse pure i pezzetti per ricostruire la frase esatta. Non avendo mai ricevuto, non avendo mai scritto lettere anonime, non nutriva per esse troppo disprezzo. Essere scambiato per un signore tradito è cosa sgradevole per un marito, ma ciò non è privo, per un celibe, di un certo fascino.»

 






L'AUTORE

Il 29 ottobre 1882 nasce, a Bellac, Hippolyte Jean Giraudoux. Nel 1893 entra al Lycée de Châteauroux e nel 1900 si trasferisce a Parigi. Il 16 dicembre 1904 pubblica sulla rivista «Marseille Étudiant» il suo primo racconto, Le dernier rêve d’Edmond About. Conosce nel 1909 Bernard Grasset, editore di molte sue opere; nel ’10 inizia la sua carriera diplomatica, intrecciata alla scrittura di romanzi come Suzanne et le Pacifique(’21) e Siegfried et le Limousin(’22). Da questo libro nasce un testo teatrale, messo in scena da Louis Jouvet, inizio di un sodalizio che vedrà l’allestimento di drammi comeAmphitryon 38(’29), Judith(’31) e il suo testo più celebre, La Guerre de Troie n’aura pas lieu (’35). Gli ultimi anni della sua esistenza sono segnati da problemi di salute e dalla perdita delle persone più care: il suo unico figlio, Jean-Pierre, parte per Londra, nel ’40 muore l’amico pittore Édouard Vuillard e l’anno seguente Jouvet intraprende una lunga tournée in Sudamerica. Nel frattempo Giraudoux scrive Sodome et Gomorrhe’42) e collabora a sceneggiature cinematografiche, come La Duchesse de Langeais, diretto da Jacques de Baroncelli, e Béthanie(Les Anges du Péché) di Robert Bresson. Il 4 novembre ’43 muore Anne, la madre, e poche settimane dopo, il 31 gennaio ’44, muore Jean Giraudoux. Postumi, verranno messi in scena La Folle de Chaillot, da Louis Jouvet, e Pour Lucrèce, da Jean-Louis Barrault.

Condividi / Share

Indietro