Via Vitoni, 14 - 51100 Pistoia (PT)
Tel. 0573/975871 - Fax 0573/46399

Collana «Ocra gialla»
volumetto n° 74



Emmanuel  Bove, L’equivoco
a cura di Antonio Castronuovo
 pag. 44, ISBN 9788862261050

Euro 4,00
IN SINTESI
Una prosa, inedita in Italia, dello scrittore francese, cantore della solitudine, che con la sua prosa singolare e asciutta, si fece apprezzare con la sua opera più celebre, Les amis
 

UN ASSAGGIO

«Ma questo attaccamento alle cose interiori non era tale da non poter essere accantonato quando era con gli amici. In fondo, conduceva una specie di doppia vita, perché come facilmente s’era interessato a una conversazione seriosa, altrettanto facilmente si abbandonava poco dopo alla stravaganza. E se in tale situazione fosse stato sorpreso dalla persona con cui aveva appena disquisito sul mistero della Trinità, faceva finta di non riconoscerlo. La sostanza della sua natura riprendeva il sopravvento e, nonostante il profondo amore per la discussione, sceglieva le distrazioni.»







L'AUTORE

Emmanuel Bove, nasce nel 1898 a Parigi, da padre russo e madre lussemburghese. Si diploma a Ginevra. Il padre ha una relazione con una donna inglese la cui influenza sarà positiva per la vocazione letteraria di Emmanuel, che nell’inverno 1915-’16 studia in Inghilterra. Rientrato a Parigi si dedica a vari mestieri. Nel ’21 convive con l’insegnante Suzanne Vallois e va a vivere a Vienna; scrive romanzi popolari con lo pseudonimo di Jean Vallois. Nel ’22 rientra a Parigi e si dedica al giornalismo di cronaca. Nel ’23 viene raggiunto da Suzanne dalla quale ha la figlia Nora. Conosce Colette e nel ’24 pubblica Mes amis, la sua opera più celebre con la quale nel ’28 vince il “Prix Eugène Figuière”. Nello stesso anno conosce Louise Ottensooser, che sposa nel ’30. Durante la guerra è a Algeri dove scrive: Le PiègeDépart dans la nuitNon-lieu. La sua scrittura ottiene, l’ammirazione di diversi scrittori tra cui: Reiner Maria Rilke, Colette, Roland Barthes e Samuel Beckett. Muore a Parigi nel ’47 di deperimento e insufficienza cardiaca. Molte opere vengono pubblicate postume, tra le quali Un caractère de femme, scritto nel ’36.

Condividi / Share

Indietro