Via Vitoni, 14 - 51100 Pistoia (PT)
Tel. 0573/975871 - Fax 0573/46399

Collana «Ocra gialla»
volumetto n° 50



Ernest  Hemingway, La corrente
traduzione e cura di Francesco Cappellini

 pag. 36, ISBN 978-88-6226-037-4

Euro 4,00
IN SINTESI

Due prose giovanili dell’indimenticabile autore del romanzo «Il vecchio e il mare», inedite in Italia, tra le sue primissime creazioni letterarie.


UN ASSAGGIO

«Ti ho amata da quando eri una bambina dai capelli rossi fino ad oggi. È stata la cosa più grande della mia vita. È stata una corrente grande e forte. È come un fiume. La corrente scorre sempre, ma il vento sulla sua superficie forma dei cappucci bianchi, e può sembrare che il fiume stia scorrendo in un’altra direzione rispetto ad essi. Ma i cappucci bianchi sono solo sulla superficie. Sotto, la corrente scorre forte, sempre nella stessa direzione. Il mio amore per te è stato la corrente, e ogni altra ragazza è stata solo una piccola onda sulla superficie.»







L'AUTORE

Ernest Miller Hemingway nasce a Oak Park (Illinois), nel 1899. Fin dai primi anni di vita, grazie alle lunghe estati trascorse nel cottage di famiglia ai margini dei Grandi Laghi e delle foreste maestose del Michigan, impara ad amare la natura e la vita all’aria aperta. Ha buoni rapporti con il padre, medico anch’egli amante della natura, che accompagna nelle sue visite ai campi indiani. Questo paesaggio dell’anima, informato di bellezza e forza fisica, costituirà un riferimento continuo e privilegiato della sua opera. Dopo il diploma comincia a scrivere per giornali importanti. A metà strada tra il soldato di ventura e il corrispondente di guerra lo ritroviamo su tanti campi di battaglia che hanno insanguinato l’oriente e l’occidente nella prima metà del secolo scorso. Irrequieto vagabondo cacciatore di avventure e di passioni, ben presto scopre il morso di una depressione sempre in agguato e feroce. Raramente nella storia della letteratura si incontrano intrecci più stretti tra la vita e l’opera di un autore. Tra le sue opere più famose Il sole sorge ancora (1927), Addio alle armi (1929), Verdi colline d’Africa (1935), I quarantanove racconti (1938), Per chi suona la campana (1940), Il vecchio e il mare (1952). Nel 1954 gli viene conferito il premio Nobel, ma per le pessime condizioni di salute non potrà andare a ritirarlo. Il 6 luglio 1961, a seguito di lunga depressione, si uccide.

Condividi / Share

Indietro