Via Vitoni, 14 - 51100 Pistoia (PT)
Tel. 0573/975871 - Fax 0573/46399

Collana «Le Streghe»
volumetto n° 10



Sergio  Civinini, L’operaio muto
a cura di Giovanni Capecchi
 pag. 36, ISBN 978-88-6226-026-8

Euro 4,00
IN SINTESI

Due racconti giovanili dello scrittore pistoiese scoperto da Romano Bilenchi e Elio Vittorini.


UN ASSAGGIO

«Allora, nell’azzurra cortina di fumo, lentamente i poliziotti si mossero: mostruosi. E ci fu la raffica, il crepitare tremendo di una trentina di mitragliatori, su verso le finestre degli edifici. In quell’attimo nella mente di Donatello, inchiodato in mezzo alla strada, si aprì uno squarcio: il ricordo delle notti d’estate, dietro il fronte, quando il lampeggìo delle artiglierie alleate nella pianura lacerava lo stellato e i bagliori delle esplosioni si rovesciavano sulle montagne. Udiva. Non erano più le secche vibrazioni isolate delle fucilate di prima: ora entrava una confusione nel suo cervello. La gente fuggiva intorno a lui, lo urtava, si accalcava nei portoni. E anch’egli cercò scampo quando vide un poliziotto che abbassava l’arma per sparare una raffica a zero».







L'AUTORE

Sergio Civinini nasce a Pistoia nel 1929 da famiglia di piccoli artigiani. Rimasto orfano in giovane età e costretto in collegio, abbandona gli studi regolari nel ’45. Dal ’45 al ’49 abita in via Vitoni, già via del Vento, a fianco di quelle che erano state le abitazioni della scrittrice Gianna Manzini e del poeta Piero Bigongiari. Fa prima il fattorino, l’apprendista meccanico, l’impiegato e poi per cinque anni l’operaio nelle officine San Giorgio di Pistoia. Esordisce come narratore nel ’46 sul settimanale «Toscana Nuova». Nel ’47, a poco meno di diciott’anni di età, alcuni suoi racconti vengono pubblicati su «Il Politecnico» di Elio Vittorini e sulle pagine di «Milano Sera». Collabora sin dal ’46 come narratore a numerose testate tra le quali «L’Approdo» diretta da Leone Piccioni, «Ragioni Narrative» diretta da Michele Prisco, «Botteghe Oscure» diretta da Giorgio Bassani, il «Paese» di Roma, «Il Nuovo Corriere» di Firenze diretta da Romano Bilenchi e, più tardi «Paese Sera». Nel ’52 entra nel giornalismo. Nell’estate del ’55 viene pubblicata nella collana “I gettoni” di Einaudi, diretta da Elio Vittorini, sotto il titolo Stagione di mezzo, una piccola raccolta di otto racconti scritti nel periodo ’48-’49. Negli anni ’50 si trasferisce prima a Grosseto, dove si occuperà di servizi ed inchieste sulle condizioni dei minatori della Maremma, poi a La Spezia. Nel ’61 esce nella rivista «Ragioni narrative» il racconto L’operaio muto. Nel ’63 si trasferisce a Roma. Nel ’64 esce nella collana “Narratori” della Vallecchi, diretta da Romano Bilenchi e Mario Luzi, la raccolta di racconti Una sera con te. Successivamente si dedica quasi esclusivamente al giornalismo. Numerose le pubblicazioni di carattere tecnico e sindacale nel campo agricolo, di cui è autorevole ed apprezzato saggista in testate del settore e autore di numerosi servizi radiofonici e televisivi. Muore a Roma nel 1987.

Condividi / Share

Indietro