Via Vitoni, 14 - 51100 Pistoia (PT)
Tel. 0573/975871 - Fax 0573/46399

Collana «Acquamarina»
volumetto n° 37



Hermann  Hesse, Figlio di re
cura e traduzione di Massimo Baldi

 pag. 32, ISBN 978-88-6226-024-4

Euro 4,00
IN SINTESI

Ventiquattro poesie scelte e in nuova traduzione del grande autore di Siddhartha.


UN ASSAGGIO

«Solo a me, al solitario,
splendono le stelle eterne della notte,
mormora la fontana di pietra il suo magico canto,
a me solo, a me il solitario
le ombre colorate
di nuvole andanti cavano sogni sopra i campi».







L'AUTORE

Hermann Hesse nasce a Calw, nel Wüttemberg, il 2 luglio 1877. Frequenta il ginnasio di Göppingen e per un breve periodo studia presso il seminario di Maulbronn, da cui fugge nel 1892. Lavora come apprendista in un’oreficeria e in una libreria. Pubblica le sue prime liriche nel 1899. Nel 1904 si sposa con Maria Bernoulli, da cui avrà tre figli. Nel 1911 compie un viaggio in India, che lo ispirerà nelle sue riflessioni sul mondo orientale. Colabora intanto a numerose testate giornalistiche. Nel 1915 pubblica il romanzo Tre storie dalla vita di Knulp. Tra il ’16 e il ’17, dopo la morte del padre e la malattia del figlio Martin, si sottopone ad analisi presso un allievo di Jung. Nel 1919 pubblica il romanzo Demian. Nel 1921 escono invece le Poesie scelte e Siddhartha. Nel 1924, dopo aver divorziato, sposa la cantante Ruth Wenger. Nel ’26 scrive Il lupo della Steppa e il ciclo di poesie Crisi, che usciranno rispettivamente nel ’27 e nel ’28. Nel 1930 pubblica Narciso e Boccadoro e un anno dopo sposa in terze nozze la storica dell’arte Ninon Dolbin. Dal ’33 inizia ad ospitare in Svizzera vari intellettuali tedeschi, tra cui Mann e Brecht. Nel ’37 esce la raccolta Nuove poesie. Nel 1943 viene editato in Svizzera (la pubblicazione delle opere di Hesse è interdetta in Germania) Il gioco delle perle di vetro. Nel 1946 viene insignito del Premio Nobel per la letteratura. Nel 1952 escono per Suhrkamp i Gesammelte Schriften, completati poi nel 1961. Muore a Montagnola il 9 agosto 1962.

Condividi / Share

Indietro