Via Vitoni, 14 - 51100 Pistoia (PT)
Tel. 0573/975871 - Fax 0573/46399

Collana «I quaderni di via del Vento»
volumetto n° 53



Rolf  Hochhuth, L’Antigone di Berlino
a cura di Sotera Fornaro

 pag. 36, ISBN 978–88–6226–013–8

Euro 4,00
IN SINTESI

Racconto inedito in Italia ispirato alla storia vera di una donna fatta decapitare da Hitler nel 1943 per aver sepolto in un cimitero la salma di suo fratello, già fatto giustiziare, contravvenendo alle disposizioni del dittatore che destinava le salme dei traditori del regime agli esperimenti dell'Istituto di Anatomia.


UN ASSAGGIO

«[...]se sia stata quella ragazza che secondo una notizia di cronaca morì quel pomeriggio «come una santa»; o ancora se sia stata quella che al patibolo portò una foto tra le mani per trovare dove appuntare lo sguardo – non lo sappiamo, non lo sapremo mai. Quando qualche anno dopo al sacerdote furono chieste notizie, rispose: «Si risparmi i dettagli tecnici: per quel fatto i capelli mi diventarono bianchi».







L'AUTORE

Rolf Hochhuth nasce nel 1931 ad Eschwege in Assia, occupata dagli Americani il 3 aprile 1945. Già da adolescente decide di occuparsi del ‘fenomeno’ Hitler con la scrittura. Prima libraio, poi redattore editoriale, nel 1959 redige a Roma il suo primo dramma, Il vicario, sul silenzio di Pio XII a proposito della ‘soluzione finale’. Inscenato da Erwin Piscator a Berlino il 20 febbraio del 1963, questo dramma segna una svolta nella storia del teatro tedesco, dando inizio al ‘teatro documentario’ politico: nella violenta polemica che ne seguì, si posero dalla parte dello scrittore Ludwig Marcuse e Karl Jaspers, tra gli altri; Giovanni XXIII, sollecitato dalla filosofa Hanna Arendt ad esprimere un parere su quella "tragedia cristiana", come recita il sottotitolo, dichiarò che alla verità non si poteva obiettare nulla. Insieme alla novella L’Antigone di Berlino (1963), il dramma è da considerarsi uno dei testi "classici dell’umanesimo letterario tedesco post-nazista" (Helmut Kreuzer). In tutte le sue numerose opere, drammi (p. es. Soldati, 1967; Morte di un cacciatore, 1976, su Hemingway), saggi e romanzi (p. es. Un amore in Germania, 1978; Giulia o la via per il potere, 1993), Hochhuth, con l’analisi accanita e puntigliosa dei documenti, pone sempre la questione del ruolo della responsabilità individuale nella ‘grande’ storia. Insignito di molti prestigiosi premi letterari, le sue opere complete sono pubblicate dall’editore Rowohlt. Dopo aver vissuto a lungo a Basel, abita e lavora ora a Berlino, nel suo studio dalle cui finestre domina, simbolicamente, il nuovo monumento alla Memoria.

Condividi / Share

Indietro